CERCA NEL BLOG

martedì 16 febbraio 2016

I LIBRI DISTILLATI: RIUSCIRANNO AD AUMENTARE I LETTORI ITALIANI?



Sono sicura che quando avete letto il titolo, vi ha incuriosito.

La casa editrice Centauria ha inventato questa cosa dei libri distillati.

Questi libri li troverete soltanto in edicola. 

I libri di questa nuova collana saranno:
Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson, Venuto al mondo di Margaret Mazzantini a dicembre, Il dio del fiume di Wilbur Smith e La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano a gennaio, Le parole che non ti ho detto di Nicholas Sparks e Il socio di John Grisham.




Un libro distillato è un bestsellers, dove questo editore ha deciso non di riassumerlo, ma di toglierci delle parti, per diminuire il numero delle pagine. Anche il costo è minore rispetto ai libri interi.

Ora, visto che scrivo, lo so che in un libro chi sono le scene secondarie e quelle principali; ma non credo che sia giusto togliere quelle secondarie, perché sono importanti. Queste scene possono caratterizzare un personaggio o dare degli indizi sulla trama.

Dal sito ufficiale dei libri distillati potete leggere:

“Grazie ai Distillati, oggi possiamo goderci questi capolavori tutti d’un fiato, nel tempo di un film o di un noioso viaggio in treno.”

Perché questa cosa?. Perché dovrei leggere il libro in poco tempo?. Io credo che il bello di un libro sia il fatto che possiamo scoprire le cose lentamente, a differenza di un film che scorre più velocemente. Se voglio conoscere una storia in poco tempo, allora preferisco vedermi il film; ma se voglio godermi a pieno la storia, sceglierei sempre il libro intero.

Perché questa scelta dei libri distillati?. Per far leggere più libri agli italiani?, o addirittura per far leggere libri a chi non legge?. Non so darvi una risposta certa. Però non credo che questa cosa influenzi il mondo dei libri. 
Noi blogger o youtuber, siamo una bella risorsa, però nessuno ai piani alti l’ha ancora capito.

Questi libri essendo ridotti nel numero delle pagine, ti permettono di leggere di più; sicché la cosa più importante è leggere più libri?. Però se leggi un distillato, non stai leggendo il libro originale.

“Abbiamo tenuto inalterata l’atmosfera, le emozioni, la suspense e lo stile dell’autore: in questo modo a voi rimane solo il piacere di una storia senza tempo, goduta istantaneamente.”

Però, chi ti dice che la parte più bella di un libro non sia, quella che questa casa editrice ha tolto. Le emozioni sono molto soggettive, perché una scena a te può emozionarti e a me no.

E voi che cosa ne pensate dei libri distillati?, aiuteranno ad aumentare il numero dei lettori?.

Non credete anche voi che noi che blogger o youtuber, siamo una bella risorsa, però mal sfruttata dai piani alti?. Non credete che grazie a noi potete scoprire nuovi libri?. Anch’io ho scoperto dei libri grazie a chi fa la mia stessa cosa.

2 commenti:

  1. Ciao! A mio parere i libri distillati sono una gran cavolata :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, non leggerei mai questi libri.
      Ciao. :-)

      Elimina